L’azienda altoatesina Gruber Logistics ha ottenuto un incarico di rilievo all’interno del progetto di costruzione della Galleria di Base del Brennero destinata a collegare Austria e Italia, divenendo così il collegamento sotterraneo più lungo al mondo.

La divisione “Trasporti Eccezionali” della Gruber Logistics si è occupata assieme ad altri partner di progetto sia del trasporto di tre macchine perforatrici “TBM” che saranno impiegate per lo scavo del cunicolo esplorativo e delle gallerie di linea, che della movimentazione delle componenti che permetteranno il montaggio della macchina all’interno della galleria. Le macchine sono state collaudate nel corso dell’inverno presso lo stabilimento del produttore in Germania e, successivamente, smontate e preparate per il trasporto. La prima delle tre macchine, quella che scaverà il cunicolo esplorativo, è già stata assemblata e si trova attualmente presso il tunnel di Mules, in Alto Adige. Qui viene scavata la galleria che arriverà fino al confine di stato e che si collegherà a quella realizzata in Austria. La macchina è lunga ben 80 mt e richiede il lavoro di 15 persone, operative 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.

“Particolarmente complessa è stata la fase del trasporto delle componenti delle macchine perforatrici, le quali –afferma il signor Michael Gruber, responsabile della divisione Trasporti Eccezionali – ” hanno richiesto il lavoro congiunto di diverse filiali e reparti del gruppo Gruber per via del loro peso e massa imponenti”.

Si parla infatti di circa 160 trasporti per ciascuna macchina, per un totale di 2887 tonnellate trasportate. Il loro trasporto ha dunque richiesto uno studio apposito: le componenti meno impegnative sono arrivate via Brennero o transitando dalla Svizzera. Per quelle più pesanti, date le limitazioni di peso e di sagoma sulle arterie stradali tedesche fino al cantiere, è stato necessario suddividere il trasporto in diverse tappe, rendendo necessaria la collaborazione della nostra filiale di Brema specializzata in trasporto marittimo: una prima tappa via fiume da Kehl a Anversa, una seconda via mare fino a Marghera, per poi giungere a destinazione al cantiere di Mules via terra. Le componenti più pesanti di questo trasporto sono costituite dai due motori principali delle macchine TBM, di dimensioni 7090x6850x2600 mm e peso 146 tonnellate cadauno. Una volta arrivate, le TBM saranno di nuovo assemblate in appositi cameroni di montaggio all’interno della galleria.