GRUBER Logistics è stata la prima azienda europea a prenotare, a poche settimane di distanza dalla sua presentazione ufficiale sul mercato americano, il primo camion a idrogeno da 40 tonnellate per i trasporti internazionali.

Il veicolo prenotato da GRUBER Logistics, il Nikola 3, è stato prodotto dalla Nikola Motor Company, azienda statunitense dedicata alla produzione di veicoli ecologici ad energia alternativa.

 “Come azienda di trasporti a conduzione familiare con sede in un territorio dal grande valore naturalistico come quello altoatesino, ci sforziamo da sempre di farci promotori di una mobilità più sostenibile e attenta all’ambiente. Il 2019 è stato per noi un anno particolarmente proficuo da questo punto di vista: abbiamo infatti ampliato la nostra flotta con l’acquisto di motrici LNG (gas naturale liquefatto) e pianificato la completa sostituzione del nostro parco mezzi. Aspettavamo da tempo l’arrivo di un camion a idrogeno sul mercato europeo, e nel veicolo messo a punto da Nikola Motor abbiamo finalmente trovato la risposta alle nostre esigenze” – dichiara Martin Gruber, amministratore delegato GRUBER Logistics – “Siamo in contatto con la casa produttrice e parteciperemo all’evento ufficiale di presentazione che si terrà tra poche settimane in Arizona. In quell’occasione approfondiremo la nostra proposta di farci promotori di un progetto pilota a livello europeo per diffondere l’utilizzo dell’idrogeno nei trasporti”.

La tecnologia a idrogeno

I veicoli a idrogeno non emettono alcun tipo di emissioni nocive o di CO2, bensì soltanto vapore acqueo; sono inoltre silenziosissimi e particolarmente adatti per utenze che necessitano di elevata potenza e autonomia, come ad esempio i mezzi pesanti. Inoltre, paragonati ai veicoli elettrici, quelli a idrogeno offrono benefici ambientali superiori: infatti, poiché attingono energia dalle celle a combustibile, azzerano totalmente i problemi legati alla produzione e allo smaltimento delle batterie, che sono invece indispensabili per i camion elettrici.

Una partnership all’insegna della logistica sostenibile

Nel frattempo l’azienda GRUBER Logistics sta già preparando il terreno per l’arrivo di Nikola 3 in Italia. Il Sudtirolo ha infatti da sempre il ruolo di pioniere nel campo della mobilità sostenibile. Lo dimostra la presenza dell’impianto di produzione del Centro idrogeno di Bolzano Sud, considerato uno dei più grandi e innovativi a livello mondiale.

“Il centro d’idrogeno di Bolzano è frutto di una proficua partnership tra l’Autostrada del Brennero A22 e l’Istituto per Innovazioni Tecnologiche (IIT) col supporto della Giunta Provinciale e fondi comunitari” – dichiara Thomas Klauser, Direttore Amministrazione, Comunicazione e Tecnologia presso il Centro – “ Insieme ad A22 ci siamo prefissi lo scopo di migliorare la qualità di vita della popolazione del territorio,  promuovendo tecnologie sostenibili e innovative. L’attuale richiesta di cooperazione da parte di GRUBER Logistics si inserisce perfettamente nel piano di espansione della rete di idrogeno in Sudtirolo e, in partnership con l’A22,  lungo il corridoio del Brennero. Assieme procederemo alla pianificazione delle infrastrutture necessarie per accogliere il transito dei mezzi pesanti lungo l’asse del Brennero”.